Jump to content

Frankman

Full Members
  • Content count

    410
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

223 Excellent

3 Followers

About Frankman

  • Rank
    Advanced Member

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Italy
  • Interests
    aviation, electronics, electric unicycle

Recent Profile Visitors

1,472 profile views
  1. Frankman

    Italian Discussion Group

    Altro che tutela degli assicurati e delle vittime dei cicllisti (capirai che vittime!). Ovviamente le associazioni degli sciacalli assicuratori stanno fiutando l'affare. Speriamo che le la FIAB e le altre Federazioni riescano a farli desistere.
  2. Frankman

    Italian Discussion Group

    Bene @Berus, a questo punto credo che anche chi ci ha letto abbia potuto trarre delle utili conclusioni dal nostro confronto. E' sempre molto costruttivo e vantaggioso per tutti condividere le esperienze ed i giudizi che si vanno maturando nel tempo. In questo modo, e quindi con una sana competizione come tu giustamente sottolinei, solo i prodotti migliori si affermeranno per il nostro divertimento e la nostra incolumità.
  3. Frankman

    Italian Discussion Group

    @Berus,le mie considerazioni riguardavano solo i GW e i KS. Gli Inmotion, per me, sono parva materia. Su questo siamo perfettamente d'accordo ed è infatti un altro importante punto che mi fa ancora optare per KS. Preferisco quelli che agiscono con calma ed attenzione, specialmente quando si tratta di salvaguardare l'incolumità degli acquirenti.
  4. Frankman

    Italian Discussion Group

    Carissimo @Berus, ripeto che le Gotway sono le migliori ruote del mondo (dopo le Kingsong secondo me). Se non ci fossero le Kingsong non avrei dubbi: Gotway assolutamente. Detto questo, vorrei fare qualche considerazione: 1) tra GW e KS chi ha proposto per primo la maniglia trolley integrata? 2) tra GW e KS chi ha montato per primo dei faretti veri sulle sue ruote? 3) tra GW e KS chi ha proposto per primo un modello con sediolino? 4) tra GW e KS chi ha proposto per primo gli altoparlanti BT? 5) tra GW e KS chi per primo ha introdotto lo stop motore al sollevamento ruota? 6) tra GW e KS chi per primo ha sfondato il muro dei 50Km/h? (dai, questa l'ho messa apposta ) 7) tra GW e KS chi per primo ha usato una lacca al silicone antivibrazione per bloccare i componenti sulla mainboard? Io non sono un venditore, sono un compratore e non ho interesse alcuno a preferire una marca piuttosto che un' altra. Ti prego di credermi il mio non è un intento polemico, cerco solo di capire sulla base di dati reali, come sono fatte e cosa ci offrono le ruote che amiamo tanto e che non ci fanno dormire la notte (forse ).
  5. Frankman

    Italian Discussion Group

    Ho espresso la mia opinione sulle due marche che sono ai vertici delle vendite. Sono due brand (Gotway e Kingsong) che producono le migliori macchine. Il mio entusiamo, se vogliamo chiamarlo così, è più che giustificato e corretto perchè ho esperienza personale dei Kingsong e di chi in Italia li distribuisce. Credo che questo forum sia utilissimo proprio per questo. Ognuno esprime le proprie esperienze, le delusioni, le problematiche, le incazzature, le truffe, le soddisfazioni ed anche gli entusiasmi che ha vissuto in modo che gli altri ne possano trarre vantaggio nel fare le migliori scelte per loro.
  6. Frankman

    Italian Discussion Group

    @Barone Cornadure sono d'accordo con te su tutta la linea per quanto riguarda i Kingsong e Kingsong Italia nella persona di Luigi Iaccarino. I Gotway sono delle ottime ruote, io ne ho una che uso da tempo e ne sono contento così come sono molto contento del mio KS16S. Comunque, data la mia ormai lunga esperienza specialmente nello smontare modificare e riassemblare ruote, credo che Kingsong sia un pò più avanti sia come affidabilità che qualità costruttiva. Vedo spesso, da varie fonti, i locali delle catene di montaggio e collaudo della fabbrica Kingsong, non disdegnano di mostrare i loro impianti. Fanno così anche i produttori di Gotway? Sarei curioso di sbirciare un pò anche in casa loro. Poi, per quanto riguarda l'estetica delle ruote, è una questione di gusti personali. @Razen accidenti, il tuo mi sembra un bollettino di guerra! Però non desistere, vedrai che quando avrai acquistato sicurezza sarà tutto molto più rilassante e divertente. Sono momenti che abbiamo vissuto tutti noi agli inizi ed è un fatto normale finchè la cosa non diventa automatica come guidare una bicicletta.
  7. Frankman

    Italian Discussion Group

    @Alessandro Zavattero, ciao Alessandro benvenuto tra noi. L'oscillazione di cui parli mi è capitata in casi sporadici con varie ruote ed ho notato che si verifica quando il peso dei piedi non è ripartito in egual misura. Per la mia esperienza, si innesca principalmente quando cerco di riposare un piede sollevandolo dalla pedana. Ovviamente il fenomeno rientra non appena il carico si riequilibra. Il consiglio che mi sento di darti è quello di provare qualche altro EUC prima di procedere all'acquisto di uno nuovo. Potrai così capire meglio se la cosa dipende dal tuo Ninebot o dalla tua tecnica di guida. Facci sapere, la tua esperienza può essere utile anche a noi. In bocca al lupo.
  8. Frankman

    Italian Discussion Group

    @Ciccio Francesco hai 1600wh di batterie? Che mezzo è?
  9. Frankman

    Italian Discussion Group

    La vernice di gomma rimovibile è semplicissima da usare: pulisci con alcool la parte da verniciare per togliere grasso e polvere, fai una mascheratura con nastro di carta da carrozzieri sulle parti da non verniciare e spruzza a strati successivi. Si stende molto bene ed il risultato è buono anche in mani poco esperte. Per i piccoli ritocchi ne spruzzo un pò in un recipiente e poi la prendo con un pennellino e la applico, il risultato è buono lo stesso. Se sbagli la puoi rimuovere, è come una pellicola adesiva. La trovi anche di altre marche a prezzo inferiore. Esiste di tanti colori diversi. Vai tranquillo.
  10. Frankman

    Italian Discussion Group

    Io utilizzo una bomboletta di vernice gommosa tipo Plasti Dip o prodotti similari anche più economici. Ritorna come nuovo!
  11. Frankman

    Italian Discussion Group

    Ciao @MaxMi, no sinceramente non mi ha dato l'impressione dell'insalatiera, anzi penso che quell'ampia superficie pulita, che è già bella così, possa prestarsi a delle personalizzazioni spettacolari. Sicuramente molti si divertiranno con l'aerografo o con gli adesivi. Non ho misurato l'altezza dei pedali nè il peso della macchina, però le sensazioni che ho avuto sono state positive, difficile far toccare i pedali ad una macchina che normalmente non gira così stretto quanto un 14 ed il peso, come ho già detto, mi sembra poco più del 16S. La maniglia ha gli steli simili a quelli del 16S, bisogna poi vedere se, con l'uso, ci possano essere problemi o no. Il sibilo è sicuramente meno forte del 16S ed ovviamente anche la ripresa è notevole. Comunque tengo a precisare che questa mia non vuole essere una recensione completa e precisa del KS18L, sono solo le mie impressioni ad un primo approccio con questa macchina.
  12. Frankman

    Italian Discussion Group

    Ieri pomeriggio ho avuto modo di provare il KS18L. E' un modello preserie che il responsabile di Kingsong Italia ha avuto in anteprima esclusiva europea. Nemmeno in Francia ce l'hanno ancora. Il modello è il classico bianco KS, ci saranno però ovviamente anche il nero lucido ed opaco. L'aspetto è gradevole e ben proporzionato, la linea molto pulita. Bello il nuovo faretto (bianco o rosso in relazione alla direzione di marcia) che mi è sembrato anche molto potente. Da un lato ci sono due prese proprietarie per la ricarica (immagino per due caricabatterie contemporanei) dall'altro due prese USB, il pulsante d'accensione ed il sensore crepuscolare per le luci. Tutte le prese sono coperte da membrane in gomma. Ci dovrebbe essere anche una piccola aletta parafango removibile. Il modello in questione (trattandosi di un preserie) non ha ancora attivato il blocco motore in caso di sollevamento della ruota. Diversamente da altre marche, la soluzione che ha scelto KS per questo dispositivo non usa l' interruttore sulla maniglia ma un sistema che rileva il peso che grava sulla ruota. Nel momento in cui questo diventa negativo (sollevando la ruota) il motore si arresta. Mi sono subito chiesto: " ma allora in un salto il motore potrebbe spegnersi?" Non è così, il blocco motore riceve il consenso solo se la ruota è ferma. Tutto gestito in automatico con sensori di pressione e via software. Devo dire che mi è sembrata una soluzione veramente intelligente che probabilmente anche altri produttori copieranno. Il peso è certamente più impegnativo di un 14, ma meno di quello che farebbe sospettare un mezzo di tali proporzioni. Veniamo alla prova pratica. Su questa mi soffermerò poco considerando che le impressioni di guida siano un fatto del tutto personale ed una ruota che può sembrare eccellente per uno può non soddisfare un altro. Ad ogni modo: la salita è comoda perchè essendo la ruota alta, la pressione laterale si distribuisce su una maggiore lunghezza dell'interno gamba, non ci sono punti di maggior pressione che possano risultare fastidiosi. Lo spessore lascia piacevolmente impressionati perchè è praticamente come quello del KS16, non ho avvertito differenze. Ci si sente subito a proprio agio e la ruota risponde bene ed è veramente molto stabile. In pochissimo tempo la si governa facilmente. Un paragone molto calzante (condiviso con altri) tra una 14 una 16 e questa 18 è come quello tra un' utilitaria, una media berlina ed un grosso SUV. Il KS18L non è sicuramente la scelta migliore per i luoghi angusti, affollati e lo zig zag tra i pedoni dove certamente un 14 è insuperabile. Però su percorsi misti, lunghi o su fondo non perfetto credo che sia un'opzione vincente. Per il mio modo di usare il monociclo, una ruota da 18 non la sceglierei, troppo grande per me. Però se dovessi affrontare un lungo percorso e se dovessi andare in comodità e sicurezza a velocità sostenuta (cosa che faccio di rado) non avrei dubbi, un KS18L sarebbe perfetto.
  13. Frankman

    Italian Discussion Group

    Ho visto che vendono anche la scheda per autocostruire la saldatrice a punti. C'è da farci un pensiero.
  14. Frankman

    Italian Discussion Group

    @Leds, il battery holder sicuramente facilita il lavoro, ma poi hai bisogno della saldatrice a punti per usare quel nastro. Ho provato a costruirne una con un trasformatore per forno a micro onde, però è molto difficile gestire la potenza: o fonde tutto o salda poco. A questo punto tanto vale comprarsela, visto che il costo lo ammortizzi già quasi al primo pacco batterie autocostruito. Il deviatore da 20A/220v mi sembra essere del tipo breacker automatico, se hai un picco sopra i 20A, stacca. Io ci metterei uno da 40A, considerando che i Kingsong (miei monoruota di riferimento) montano fusibili da 40A sulla scheda controller. Comunque sì, l'idea del rifornimento on-the-fly mi sembra buona, perlomeno come soccorso per chi dovesse rimanere a corto di energia.
  15. Frankman

    Italian Discussion Group

    @Leds, ti rispondo punto per punto: 1) la batteria del solowheel evidentemente è da 14 celle in serie ( 3,7V x 14 = 51,8v ) e non da 16 come la maggioranza degli altri EUC. Quindi il BMS che ti ho consigliato non va bene. Potrebbe andare bene quest'altro. 2) quì non capisco qual'è il link 3) Sì, quando si collegano delle battrie al litio in parallelo è fondamentale che abbiano lo stesso stato di carica o al massimo una differenza di un volt circa. Se devo fare lunghi percorsi preferisco viaggiare con le batterie, interna ed esterna, sempre collegate tra loro. Il maggiore amperaggio disponibile mi dà più sicurezza. Non preferirei la soluzione dello switch perchè un deviatore da 10 e più ampere dovrebbe essere abbastanza grosso e soprattutto affidabile (la mia formazione tecnica è di tipo aeronautico ed in quell'ambiente c'è una regola d'oro che riguarda la sicurezza: tutto quello che non c'è non si può rompere). Chiedo scusa agli altri amici del forum per questa discussione che è praticamente un dialogo, ma credo che questi argomenti siano di interesse comune.
×