Frankman

Full Members
  • Content count

    230
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

110 Excellent

2 Followers

About Frankman

  • Rank
    Advanced Member

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Italy
  • Interests
    aviation, electronics, electric unicycle

Recent Profile Visitors

804 profile views
  1. @Bert08 giusta osservazione.
  2. @fabio70mi se non trovi il suo ricambio specifico, puoi sempre usare un generico interruttore o pulsante e poi collegare a parte i led. Sicuramente ci saranno fili indipendenti anche se montati nello stesso interruttore, due per l'accensione ed altri tre o quattro per i led o il led bicolore. Se puoi, manda qualche foto dopo che lo hai smontato.
  3. @fabio70mi, non conosco il tipo specifico usato sul IPS121. Di solito sono comuni interruttori o pulsanti ad una via, cioè i fili sotto sono solo due. Per sostituirlo devi svitare la ghiera che lo fissa da sotto il pannello. Una volta smontato, te lo porti con te e credo che ne puoi trovare uno simile in un buon negozio di ricambi elettronici. Diversamente su Aliexpress lo trovi di sicuro.
  4. Sono speranzoso,forse qualcosa aiuterà gli amanti del monociclo elettrico. Noto che tra gli adolescenti gli EUC non prendono molto piede . La maggioranza delle persone che li usano sono al di sopra dei 30 anni. Forse perchè è un mezzo tranquillo che non supera mediamente i 30km/h ed i giovanissimi, si sa, amano la velocità. A tutti noi è capitato il ragazzino che ci chiede subito:" ma quanto fa?". Per tanti di loro è sicuramente più interessante il veloce motorino per poter sfrecciare tra le auto e primeggiare tra gli amici. Ed allora quei pestiferi ragazzini continuino pure ad interessarsi ad altre tipologie di mezzi più prestanti e rumorosi, ciclomotori, motocicli, quadricicli truccati ecc. ecc. (guidati poi in modo tanto indisciplinato e pericoloso da costringere le autorità e gli amministratori locali ad emanare giuste ordinanze restrittive) . Per noi ben venga l'EUC da 20-30km/h al massimo. Saremo pochi, tranquilli signori appassionati di uno strano aggeggio che, per utilità o svago, agilmente, silenziosamente ed in piena libertà si muove tra le persone senza arrecare scompiglio e disappunto......e senza necessità di divieti così severi da farcene passare la voglia.
  5. Vorrei intervenire nelle ultime discussioni dicendo solo due cose: 1) Il trolley, a parer mio, è indispensabile. Io porto la mia ruota accesa e col trolley tra i banchi del supermercato o nei negozi. Una comodità assoluta. 2) Potendo scegliere, meglio circolare sul marciapiedi che su strada così non c'è il rischio di venire arrotati dalle macchine. Ovviamente non si può pretendere di andare a 30km/h tra i pedoni senza essere notati e poi..... sanzionati.
  6. Certo, e per questo ti lascio un like.
  7. @FULspeed Si è vero, guardando il filmato si nota che effettivamente la curva interna della scocca è troppo piccola. Le altre due invece mi sembrano ben proporzionate. Scherzi a parte, è un bel problema. Mi chiedo poi, in quelle condizioni, sai quanti sassolini possano andare ad incastrarsi tra la gomma e la scocca. Forse solo con uno pneumatico di dimensioni inferiori si risolve la questione.
  8. @LILLO Scusa, non è possibile ridurre quel diaframma di plastica con un seghetto od un ferro rovente?
  9. @LILLO Ciao, benvenuto nel forum. Ottima ruota il tuo V8, di notevole qualità. Tranquillo, le cadute saranno sempre più rare fino ad azzerarsi con l'aumentare dell'esperienza. Buon divertimento.
  10. Hello @Uliana, generally speaking there are not yet precise rules about EUC in Italy. Only I can suggest you to use it on the sidewalk and at a speed of not more than 6km/h (or at least reduce the speed when you see cops). The important is to not interfere with the vehicular traffic on the roads. Pay much attention to the pedestrians and give them the precedence. Have fun with your EUC and happy holidays here in Italy.
  11. @gianni l'ho applicata al Gotway MCM4 e prossimamente la applicherò al KingSong KS16. Entrambe hanno il cerchio ben visibile nella parte inferiore. Effettivamente per quei modelli che hanno la carenatura molto bassa l'operazione diventa complicata se non impossibile. Bisogna iniziare a scalzare il copertone dal cerchio con la prima leva addossandola al corpo del motore e bloccandola con del nastro adesivo perchè, man mano che si gira la ruota continuando a scalzare con la seconda leva, la prima leva scompare sotto la scocca per poi ovviamente ricomparire dall'altro lato quando la ruota ha completato il giro.
  12. @FULspeed ho usato questo nastro: http://www.ebay.it/itm/F3-1100537-Nastro-ANTIFORATURA-37-x-2250-MTB-Bicicletta-Bici-CITY-Bike-Ciclo-/251907754566?hash=item3aa6df4a46 E per evitare pizzicature della camera d'aria, dato che il nastro è un pò duro, ho arrotondato gli spigoli dei due tagli terminali e, una volta stabilita la lunghezza corretta, l'ho tagliato un centimetro più lungo ed ho collegato le due estremità inserendole in un pezzo di guaina termoretraibile. Anche per questa operazione trovi i tutorial su YouTube. Dopo rimontato il tutto, col gonfiaggio e quindi con la distensione del copertone, le due estremità del nastro che erano sovrapposte di un centimetro, si allontanano tra loro e si risistemano giustapponendosi. Il borotalco aiuta molto il posizionamento del nastro.
  13. @gianni, per quanto riguarda la foratura, prima di smontare tutta la ruota, prova a scalzare il copertone da un lato del cerchio con le stesse leve per uso bici. Inserisci le dita e cerca il chiodo, poi tirando fuori la camera d'aria per quel poco che basta, ti ripari la bucatura. La riparazione va fatta al solito modo col kit per le bici ed un ferro da stiro. Trovi molti video tutorial on line. Fammi sapere se hai risolto. P.S. A scopo preventivo, nel mio EUC, ho inserito una fascia antiforatura tra camera e copertone ed ho messo il gel antiforatura nella camera d'aria gonfiando poi a non meno di 3.5ATM. Tutto senza smontare la ruota ma scalzando solo il copertone come ti ho suggerito. Importante: usa molto borotalco nel rimontaggio.
  14. Riporto testualmente la risposta che il Comune di Trento ha ricevuto dalla sua Polizia Locale in seguito alla mia mail di qualche giorno fa (per chi non avesse seguito la vicenda, la mia mail la trovate nei post precedenti): Inoltriamo la risposta della Polizia locale Cordiali saluti In merito alle considerazioni esposte sull'opportunità delle sanzioni elevate al conducente del hoverboard elettrico e sulla spropositata cifra della sanzione amministrativa ,preme evidenziare come l'ammontare degli importi delle sanzioni amministrative del Codice della Strada, sono previsti nel testo del citato Codice (legge nazionale) e non dagli agenti di questo Comando di Polizia Locale di Trento. Pertanto, è il Codice della Strada che determina una violazione pari a Euro 849,00 per la circolazione senza la prescritta copertura assicurazione, importo che ovviamente non può essere in alcun modo modificato dall'agente all'atto della contestazione del verbale. Per quanto riguarda invece l'opportunità di elevare violazioni alle norme di comportamento dettate dal Codice della Strada, vale appena il caso di ricordare che l'articolo 11 del citato Codice elenca quale attività di polizia stradale l'accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, affidando agli agenti di Polizia Locale (oltre agli agenti delle altre forze di polizia) la prevenzione e l'accertamento delle violazioni inerenti la circolazione stradale. In merito alla circolazione con un hoverboard elettrico, si pone in evidenza come detto veicolo, nel momento in cui oltrepassa le caratteristiche dei veicoli per uso di bambini o di invalidi stabiliti dall'articolo 196 del Regolamento di Esecuzione del già menzionato Codice della Strada (lunghezza massima 1,10 metri, larghezza massima 0,50 metri e sopratutto velocità massima 6 Km/h) rientra nella categoria dei ciclomotori o dei motocicli. Pertanto per la circolazione sulla strada (area ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali) il ciclomotore deve essere munito di un certificato di circolazione (contenente i dati di identificazione e costruttivi del veicolo nonchè quelli della targa e dell'intestatario rilasciato dal Dipartimento per I Trasporti Terrestri, della targa (che identifica l'intestatario del certificato di circolazione) e della copertura assicurativa. Il conducente del veicolo in oggetto, trovandosi quindi alla guida di un ciclomotore (o di un motociclo) deve essere anche in possesso della patente di guida prevista, oltre che indossare il casco. Lascio a voi tutte le considerazioni del caso.
  15. I agree with you @The Fat Unicyclist, it is only a matter of time. The EUC is not a passing fad bacause it is a really useful and practical vehicle and is actually the unique real innovation as regard the personal mobility of the last few years, therefore I'm sure that over the time it is going to be very popular. When I go around with it, many people are curious and interested in it and the most common questions are: "how much does it cost?" and "is it difficult to ride?", and allways I try to encourage them: "few hundred dollars and some hours, but keep in mind this thing will give you the greatest sense of freedom you have ever felt".